Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

Si dimette il Sindaco Alessandra Martinucci: “SISTEMA VIZIATO”

 

Dalla rubrica "Attualitá" di www.Specchia.it

 
 

Si dimette il Sindaco Alessandra Martinucci: “SISTEMA VIZIATO”

 
 

“Ammetto la sconfitta, ma RESTO UNA PERSONA LIBERA”

 
     
 

Clicca per ingrandireGentilissimo Segretario, gentilissimi Consiglieri Comunali, con rammarico ma con onestà intellettuale e responsabilità rassegno le mie dimissioni ammettendo una sconfitta, sicuramente personale ma innegabilmente collettiva, di natura sociale prima che politica.
La mia sconfitta personale è quella di non essere riuscita a scardinare un sistema viziato sotto diversi profili, primo tra tutti sotto il profilo umano e delle responsabilità, ma l'incapacità, evidentemente, non è solo la mia ma è certamente di tutti, anche se può far comodo, seppur sia scorretto, in virtù di velleità politiche di qualcuno, attribuire a me la colpa di tutto.
Ho conosciuto un ambiente profondamente insalubre e nonostante credessi che con le mie mani operose avrei potuto ripristinare quegli ingranaggi ossidati così da contribuire al cambiamento di un modo di fare politica, purtroppo, questa sfida con me stessa non l 'ho vinta. Ingranaggi macchinosi e bloccati, condizionati dalla sete di rivalse personali e beghe di piccolo calibro.
Una decisione che, probabilmente, avrei dovuto prendere già da tempo ma che oggi, dopo aver letto le parole di disprezzo nei miei confronti dai dimissionari, prendo con più convinzione (sia chiaro, non sono state le sterili e inappropriate cattiverie a farmi riflettere, ma il mio senso di responsabilità e la mia coscienza).
Troppo semplice abbandonare la nave quando affonda, attribuendo, con arroganza, presunzione e supponenza, tutte le colpe a chi resta. Irresponsabile e meschino scendere da quella nave poche ore prima per salvare egoisticamente solo la propria pelle, senza curanza di chi resta: non è questo l'atteggiamento di un amministratore!
Vengo accusata in queste lettere di cambiare idea dalla mattina alla sera; riecheggia come un'ossessione questa rivendicazione della coerenza da chi, solo un mese fa, al mio fianco presentava una mozione di fiducia, elogiandomi in ogni modo e con fierezza. Gli stessi consiglieri che oggi rimettono le proprie deleghe, in maniera scadenzata durante la stessa mattinata, come se qualcuno, la sera prima, avesse impartito tale ordine decidendo anche gli orari di invio delle lettere.
Questo è solo un subdolo gioco di strategia: la denigrazione delle persone come arma per poter emergere. Un gioco vecchio, che attiva da lontano, forse unica costante di tanti anni.
Mi dispiace dover soverchiare questo spicciolo protagonismo ma oggi non sono solo io ad essere sconfitta: non si illudano di restare incolpevoli, di "restare a galla" avendo reso capro espiatorio la singola, al solo fine poi, di potersi ricandidare alla prossima tornata fingendo di essere volti freschi e franchi.
Nelle lettere di dimissioni si parla, impropriamente, persino di responsabilità nella scelta di lasciare il proprio lavoro per svolgere il ruolo da amministratore. La responsabilità è altra cosa. La politica è un servizio che non deve MAI essere confuso con un mestiere. Fino a quando non ci libereremo dei politici che considerano la cosa pubblica una professione, il nostro paese non potrà mai andare avanti. La politica non è un lavoro e non si fa per ambizione personale!
Tutto questo disastro amministrativo, da cui io non ho la vigliaccheria di tirarmi fuori, parte da più lontano ed io indubbiamente ho le mie responsabilità.
Un anno fa ho sperato, con tutta me stessa, di poter dare il mio contributo a Specchia, ho messo tutto l'entusiasmo e la mia determinazione: volevo essere al servizio dell'intera comunità, mettere a disposizione le mie idee, le mie esperienze e la mia formazione.
Mi ero solo illusa che qualcuno apprezzasse di me le mie conoscenze e le mie capacità.
Ma non servivano le mie idee, non serviva il mio giovane entusiasmo e la mia determinazione. Non serviva la mia testa; serviva solo un nome, forse uno qualsiasi, serviva qualcuno pronto a lanciarsi all'ultimo secondo nel buio. E purtroppo solo in questo momento ne prendo consapevolezza.
Non ho mai permesso che qualcuno ragionasse per me.
Non ho mai dato modo che qualcuno mi inculcasse un'idea, MAI.

Tutto questo, per molti, è stato un problema, anzi il problema del Sindaco Martinucci.
E colgo l'occasione per ribadire per l'ennesima volta che, nonostante tutto, sono sempre stata, dall'inizio alla fine, una persona libera. E se anche ci fossero stati condizionamenti, sia interni che esterni, per me non avrebbero avuto alcun peso. Chi mi ha accusato di essere succube di ragionamenti e voleri altrui, ha riconosciuto il linguaggio delle pressioni probabilmente perché avvezzo a fame e subirne. Linguaggio, invece, a me totalmente sconosciuto. Conosco la libertà di pensiero e di espressione e non l'avrei barattata per nulla. Sono sempre stata una persona libera. La stessa libertà che oggi mi porta a tirare i remi in barca a testa alta.
La vera sconfitta si è consumata quando ho avuto la consapevolezza che parte del gruppo giovane non era lì pronto a dare il proprio contributo ma per difendere, ossessivamente, le smanie di qualcun altro. Un'idea del passato e non una visione del futuro, una politica profondamente sbagliata!
Una politica che intende il dialogo con qualcuno che abbia una differente idea politica come un torto al proprio gruppo o ancor peggio come "giocare a scacchi" sulla pelle della comunità.
Una politica dove il pranzo con la madre significa escogitare un piano politico distruttivo per qualcun altro.
Una politica dove offendersi, origliare alle porte, registrare è la migliore arma per attaccare e difendersi (da cosa poi?!).
Una politica che voleva calpestare rovinosamente la dignità di tutti i giovani che provano ad impegnarsi per dare il proprio contributo, come se gli anni di "esperienza" fossero l 'unica arma per poter amministrare.
Una politica che non concepisce il confronto con la minoranza come un momento costruttivo per l'intera comunità, come se si debba costantemente sentirsi in un ring dove i trofei sono le ferite dell'avversario.
Un modo di fare politica a cui io non ho mai ceduto ed è proprio per questo che Alessandra Martinucci non è mai andata bene.
GRAVE IL COMPORTAMENTO DI CHI LA PROPONE, ANCOR PIÙ GRAVE DI CHI, IN SILENZIO, L'ASSECONDA.
Ho dovuto assistere a tristi e vergognosi momenti anche nella sede istituzionale, urla, offese personali, anche nei miei confronti, di assessori poco rispettosi del mio ruolo e soprattutto del ruolo che ricoprivano, tentativi costanti di dividere, di creare incomprensioni, spie nascoste dietro le porte per "controllare" le mie riunioni.
Non è mai nata, nella maggioranza, una ispirazione politica unitaria e forte, ma per alcuni solo un'ossessione di un mondo politico vecchio e superato, oltre a singoli egocentrismi.
Il gruppo, dallo scorso aprile ha iniziato lentamente a sgretolarsi sino a oggi. Oggi mi ritrovo senza un gruppo e senza una maggioranza.
Con dispiacere e rammarico ammetto che una compagine nuova e fresca non è stata capace di dare una svolta a questo paese. Non vi è stata, probabilmente, la volontà e la convinzione di aprire porte e finestre per far entrare aria nuova e fresca e che si potesse opporre al vecchio e allo stantio.
Sono amareggiata, oggi, di dover disattendere quello che la maggior parte della comunità, il 26 maggio 2019, aveva scelto.
Da Sindaco, da madre della comunità, non voglio qui additare alcuno in particolare, attribuendo responsabilità o colpe. Ma ognuno, coscienziosamente, sappia riconoscere i propri errori.
Io riconosco i miei.
Che il mio, oggi, rappresenti un monito, un motivo di riflessione per il futuro.
Chiediamoci chi sono coloro che veramente hanno agito per il bene del paese e chi per interesse o aspirazione personali, chi perché spinto dalla voglia di cimentarsi e dare il proprio contributo in un nuovo progetto e chi esclusivamente per veder fallire un progetto se non fosse stato il suo.
Che questo momento sia visto non come una sconfitta di una partita elettorale ma come una sconfitta per il paese. Che possa condizionare positivamente il futuro (politico) di Specchia.
Che possa rappresentare l'apocalisse ... "almeno saremmo tutti costretti a ricostruire".
È stato per me un onore rappresentare il mio paese, anche se per poco tempo. È stato un onore interagire con i miei cittadini.
Ringrazio anzitutto la mia comunità, i miei elettori, chi mi ha sostenuto dall'inizio e, allo stesso modo, chi mi ha dato fiducia nel corso dell'esperienza. Ringrazio i tanti, tantissimi, che in questi giorni mi hanno espresso solidarietà e affetto.
Ringrazio quei dipendenti comunali che hanno saputo accogliermi fin dal primo giorno, aiutandomi e sostenendomi.
Ringrazio l'ex Presidente del Consiglio, Giuseppe Annesi, che ha saputo svolgere il suo ruolo nel miglior modo e insieme a lui, il consigliere Araldo Baglivo, gli unici due presenti al mio fianco fino all'ultimo giorno, i soli che hanno creduto che abbandonare non sarebbe stata la strada giusta.
Ringrazio i colleghi capigruppo di minoranza Emanuele Giangreco e Francesco Biasco, persone corrette, leali e trasparenti. Seppur con "bandiere" politiche differenti, hanno sempre cercato con me un confronto costruttivo e rispettoso.
Ci animi ora la volontà di un cambiamento, si, di una rivoluzione!
Mi auguro che la mia non resti solo una brutta esperienza o un "disastro", ma che sia davvero esperienza da cui imparare e migliorare nella prossima tornata di elezione.

Lo auguro ai cittadini di Specchia, a me stessa, lo auguro ai figli di tutti.

ALESSANDRA MARTINUCCI

 
     
 

Fonte Notizia:
 

Data: 18/07/2020;      Notizia Letta: 668 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piú importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor