Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

SALENTO TROPPO LONTANO DAGLI AEROPORTI FIOCCANO LE DISDETTE DEI TURISTI EUROPEI

 

Dalla rubrica "Attualitį" di www.Specchia.it

 
 

SALENTO TROPPO LONTANO DAGLI AEROPORTI FIOCCANO LE DISDETTE DEI TURISTI EUROPEI

 
 

Le prenotazioni per una vacanza nel Salento sono tantissime, ma fioccano le disdette.

 
     
 

Clicca per ingrandireLe prenotazioni per una vacanza nel Salento sono tantissime, ma fioccano le disdette. La strana situazione che si sta verificando č semplice ma paradossale. C'č un'enorme richiesta per il Salento, sono in tantissimi ad aver prenotato per una vacanza lontana dal ferragosto, ma le compagnie low cost permettono di giungere solo a Bari.

Nessun problema, pensano le migliaia di turisti, ma appena scoprono che non esiste una linea bus diretta aeroporto di Bari-Salento, iniziano a compiere ricerche su internet per trovare i vettori privati. Il risultato č che si puņ giungere a Bari con 80 euro, ma per andare ad Otranto, a Gallipoli, nel cuore del barocco leccese, o addirittura nel Capo di Leuca il transfer costa il doppio, il triplo ed anche, in alcuni casi il quadruplo. Cosģ, a fronte di tante prenotazioni fatte con largo anticipo, tanto da far prevedere una stagione all'insegna dell'ottimismo, ora fioccano le disdette. I casi di disdetta riguardane tutto il Salento, non solo i luoghi pił distanti come il Capo di Leuca, ma anche Otranto, Gallipoli e la stessa - Lecce.

"E' incredibile" - dice Mimmo De Santis Presidente del Consorzio Puglia Doc - "i casi gią accertati di disdetta per questo motivo sono numerosi, le strutture turistiche del Salento sono enormemente penalizzate. Il nostro prodotto turističo tira, ma queste spese aggiuntive sono viste dai turisti come una vera e propria beffa. Nel resto d'Europa stentano a credere che un intero territorio sia cosģ isolato e pensano piuttosto ad una situazione creata apposta per lucrare sui loro spostamenti. Il risultato finale č che disdicono la vacanza gią prenotata".

Insomma, uno sarebbe disposto a pagare un trasferimento allo stesso costo del biglietto aereo, situazione un po' anomala ma possibile visti i prezzi praticati dalle compagnie low cost, ma da qui a giungere a moltiplicare per tre l'andata ed il ritorno dall'aeroporto verso la localitą di vacanza appare quantomeno assurdo.

La soluzione immediata, richiesta da molti operatori, sarebbe quella di istituire, almeno per ora, dei collegamenti ad un costo vantaggioso, magari sfruttando le autolinee regionali. "Se anche gli operatori provassero ad attivare delle loro navette le corse dovrebbero essere almeno due al giorno ed a questo punto sarebbe troppo oneroso per le strutture turistiche del Salento" -spiega sempre De Santis, che aggiunge "ma non si potrebbe avere invece che quattro voli settimanali per Bari, almeno due per Bari e due per Brindisi?".

Insomma, il Salento ha gią pagato in passato un caro prezzo (quando in vacanza ci si andava quasi esclusivamente in automobile) ed anche ora, nell'epoca dei voli low cost, prima di scegliere come destinazione la splendida Otranto deve pensarci su un bel po'. "Una cosa č certa" -fanno sapere i soci del Consorzio Puglia Doc- "se non s'interviene subito il danno economico sarą enorme, con buona pace di tutti gli investimenti tatti per la promozione".

 
     
 

Fonte Notizia: Elio Paiano, Nuovo Quotidiano di Puglia
 

Data: 22/02/2007;      Notizia Letta: 1026 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piś importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor