Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

 

DI SONIA MARRA ANCORA NESSUNA TRACCIA

 

Dalla rubrica "Cronaca" di www.Specchia.it

 
 

DI SONIA MARRA ANCORA NESSUNA TRACCIA

 
 

Le indagini si sono spostate ora sulla scuola di Teologia

 
     
 

Clicca per ingrandireLe indagini sulla studentessa Specchiese, scomparsa a Perugia da quasi 2 mesi, si sono spostate ora sulla scuola di Teologia dove Sonia Marra aveva lavorato in segreteria. Ed anche nella foresteria di proprietà della diocesi dove la ragazza aveva avuto una camera di cui aveva conservato le chiavi.

Sonia, ragazza venticinquenne di Specchia, lavora nella segreteria della scuola il martedì pomeriggio. Un lavoro svolto sempre con molta precisione tranne che negli ultimi tempi.

Aveva trascorso le vacanze estive in famiglia, a Specchia. Era ritornata a Perugia ai primi di ottobre, riprendendo la solita vita: qualche visita in università per informarsi sugli esami, il lavoretto in segreteria della scuola Teologica dell’ex seminario di Monte Marcino a cinque-seicento metri dalla sua abitazione, brevissimi incontri con due-tre amiche e nessuna occasione di svago.
Le sue amiche, infatti, le dicevano che per una che conduceva una vita da monaca, la scuola di Teologia era il luogo ideale.

Negli ultimi tempi, però, qualcosa era cambiato. Dice padre Rino, direttore della scuola Teologica Diocesana: “Sonia era deconcentrata, come risulta dalla trascrizione errata che aveva fatto di alcuni esami. Lei era sempre stata precisissima!”

Che cosa sia realmente accaduto prima del 16 novembre scorso, data della scomparsa, è un mistero! Di certo Sonia non attraversava un momento sereno!

Racconta Anna, sorella di Sonia: “Michele, il suo ex ragazzo, si è ricordato che verso la metà di Ottobre Sonia è stata abbracciata o palpeggiata da qualcuno all’istituto di Teologia. Era sconvolta. Si è messa a piangere e non ne ha voluto più parlare.”

L’uomo delle inattese e sgradite avances, non è stato identificato. Potrebbe frequentare il corso di Teologia, al quale sono iscritte centocinquanta persone. Difficile tuttavia immaginare che l’episodio possa essere accaduto nella segreteria della scuola, sempre affollata.

Può darsi invece che si sia verificato al piano di sotto nella foresteria di proprietà della diocesi che dava accoglienza ad alcune persone e dove, per un certo periodo la stessa Sonia aveva una camera di cui aveva conservato le chiavi.

Nella foresteria è rimasto un solo ospite: un uomo di quaranta anni; ora costretto ad andare via perché sono cominciati i lavori di ristrutturazione dell’edificio. Questa persona afferma di non sapere nulla e di aver visto Sonia solo una volta.

Gli inquirenti stanno valutando anche la testimonianza di un operaio che lavora nell’impresa alla sistemazione dell’ex seminario. Questo operaio avrebbe riconosciuto Sonia nella voce, la sera della scomparsa, dopo le 18, nei pressi della scuola. Essendo già buio, non l’ha vista in volto mentre parlava al telefono e non è sicuro al cento per cento. Su un particolare l’uomo non ha dubbi: la ragazza piangeva e si capiva che c’era una forte tensione col suo interlocutore.

Nel tabulato del telefonino di Sonia, questa conversazione non risulta. Forse stava usando il cellulare di qualcun altro.

Sonia, ultimamente, stava frequentando un ragazzo di nome Umberto, conosciuto alla scuola di Teologia. Aveva deciso di riprovarci dopo aver chiuso la relazione con Michele.
A maggio, Sonia fa capire ad Umberto che aveva simpatia per lui. Umberto diventa il suo ragazzo ed inizia una relazione che sfocia nella completa intimità.
La conseguenza è che Umberto si preoccupa che la ragazza sia rimasta incinta e le porta il test di gravidanza che però da esito negativo.

Sonia è anche preoccupata per la sua saluta e il sedici mattina si sottopone ad una visita presso l’ambulatorio riservato agli studenti di medicina al policlinico. Qui le vengono prescritte ulteriori analisi.

Nel pomeriggio Sonia scompare!
Lo stesso giorno, verso le 19, si verifica un episodio inquietante. Un uomo robusto, con un giaccone scuro ed un copricapo, si aggira furtivo nelle scale della casa di Sonia. Apre l’appartamento, vi fruga dentro per qualche minuto e poi va via a bordo di un’auto bianca non di grossa cilindrata.
Questo individuo è stato notato dai vicini di casa con una descrizione minuziosa e precisa.

La mattina dopo, alle 10, arrivano i familiari di Sonia allertati dalla mamma. I genitori sono preoccupati dal fatto che la sera precedente Sonia non aveva telefonato a casa. Non era mai capitato.

In casa c’era un forte odore di gas. C’era un fornello della cucina aperto. Si tratta di una dimenticanza o di una messinscena?

Le indagini dovranno stabilire da quanto tempo il fornello era aperto. Gli inquirenti, intanto, hanno battuto monte Marcino e tutta la zona intorno al convento anche con cani addestrati ma non hanno trovato traccia della ragazza.

Sonia sembra davvero sparita nel nulla!

 
     
 

Fonte Notizia: Trasmissione televisiva “Chi l’ha visto”
 

Data: 09/01/2007;      Notizia Letta: 4672 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piú importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor