Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

IL RITMO DELLA MEMORIA: LA MUSICA A TEREZÍN

 

Dalla rubrica "Attualitá" di www.Specchia.it

 
 

IL RITMO DELLA MEMORIA: LA MUSICA A TEREZÍN

 
 

A TRICASE CONCERTO E TESTIMONIANZE DEI SOPRAVVISUTI PER “LA GIORNATA DELLA MEMORIA”

 
     
 

Clicca per ingrandire Si comunica che in occasione della ricorrenza de “La Giornata della Memoria” 2017, Il Liceo Scientifico - Classico "G. Stampacchia" e il Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce, Venerdì 27 gennaio alle ore 11.00 presso la Chiesa di Sant'Antonio a Tricase hanno organizzato: “Il Ritmo della Memoria: la Musica a Terezín – La musica per credere, lottare e commemorare”.
Il programma dell’iniziativa prevede un concerto dell'orchestra composta da 28 studenti dello stesso Liceo, 3 studenti dell' Istituto Comprensivo "G. Pascoli" e 6 studenti dell'Istituto Comprensivo di via Apulia diretti dal maestro Paolo Ferulli, Docente di Violoncello e Direttore dell'Orchestra giovanile del Conservatorio, che eseguirà tre brani tratti dall'Opera: “Il coraggio di Mischke” di Giuseppe Gigante, uno dei quali interpretato dalla voce del soprano Giuliana Musarò ed il brano di J. Williams, Schindler's List. Il concerto sarà eccezionalmente aperto dal maestro Francesco Scarcella che eseguirà due brani con organo: O. Messiaen - Quatuor pour la fin du temps e V. Louange à l' Éternité de Jésus e L. Boellmann - Toccata dalla Suite Gothique Op. 25.
La musica e alcuni brevi istanti di poesia e prosa saranno lo sfondo dell'evento, reso ancor più realistico e suggestivo dalle testimonianza di alcuni degli ultimi sopravvissuti salentini ancora in vita, permettendo agli studenti di ripercorrere un viaggio nella memoria della Shoah, un viaggio non retorico non sospettoso e reticente ma grazie al potere evocativo della parola e della musica dinamico, autentico nella convinzione che la cultura della memoria è un sapere collettivo condiviso che si fonda sul patrimonio di testi, suoni e riti destinati soprattutto alle nuove generazioni perché possano offrire nuove forme e mezzi di custodia e diffusione.
Il campo di concentramento di Terezín, nella Repubblica Ceca, a 60 km da Praga è stata una struttura di internamento e deportazione utilizzata dalle SS durante la II Guerra mondiale, è nota per aver concentrato nel campo il maggiori numero di intellettuali ebrei mitteleuropei, pittori, scrittori, musicisti e con una numerosa presenza di bambini. Presentato dai nazisti come esempio di insediamento ebraico, in realtà era un luogo di raccolta di prigionieri da smistare ai campi di sterminio di Treblinka ed Auschwitz. Su un totale di «155.000 ebrei passati da Terezín fino alla sua liberazione l'8 maggio 1945; 35.440 perirono nel ghetto e 88.000 furono deportati» per essere uccisi.
Una esclusività di Terezín, fu il gran numero di musicisti , compositori e maestri d'orchestra imprigionati. Compositori come Viktor Ullmann, Sigmund Schul, Pavel Haas, Gideon Klein, Hans Krása; maestri di orchestra come Rafael Schächter, e musicisti come Alice Herz-Sommer, Eric Vogel, Pavel Lipensky, Martin Roman e Julius Stwertka per citare i più noti. I nazisti ritennero Terezín molto importante per la loro propaganda, con il passare del tempo non solo tollerarono le manifestazioni culturali, ma erano disponibili ad agevolarle.
“Il ritmo della memoria, la musica a Terezín”, è il titolo scelto per ripercorre prioritariamente l’intensità di brevi attimi vissuti dai musicisti all’interno del Campo che hanno visto nascere alcune delle più significative composizioni della letteratura musicale "concentrazionaria".
"La musica fu vista all’interno dei Campi come un modo per stemperare l’odio, per infondere sia la speranza in una possibile liberazione dal tiranno, sia la forza morale di poter agire in una condizione di dolore e disperazione, ma, soprattutto, uno strumento per trasmettere il valore più importante, che la musica può e deve sempre preservare, un valore forse ancora più importante della vita: la dignità dell’essere umano".
A Terezín, inteso dal suo Architetto come “campo ideale”, si finì per fondere realtà e idealità, dove tutto doveva diventare spettacolo, abbagliare e confondere, prevalse tragicamente nella musica proprio il senso etimologico del termine spettacolo: desta attenzione ciò che colpisce lo sguardo. E spesso ciò che appare è l’illusorio conforto che cerchiamo in ciò che brilla per pochi attimi. Così una parte della società fu messa a tacere, ma paradossalmente quel Silenzio che per molti anni ha azzittito le coscienze oggi è diventato musicale, suona e richiede ascolto. In occasione dell’evento, il Dirigente Scolastico,Prof. Mauro Vitale Polimeno e il corpo docente del Liceo intende invitare gli studenti ad ascoltare anche da questo Sacro Silenzio, a vedere anche con gli occhi della mente e del cuore, guidati dalla voce della cultura perché non si dimentichi mai ciò che è stato.

 
     
 

Fonte Notizia: I Docenti del Liceo Scientifico - Classico "G. Stampacchia"
 

Data: 22/01/2017;      Notizia Letta: 1616 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piú importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor