Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

LAURA PETRACCA ESPONE A A ''IL VELIERO PARLANTE'' AL CASTELLO DI COPERTINO

 

Dalla rubrica "Cultura" di www.Specchia.it

 
 

LAURA PETRACCA ESPONE A A ''IL VELIERO PARLANTE'' AL CASTELLO DI COPERTINO

 
 

Dal 16 al 23 Maggio 2015

 
     
 

Clicca per ingrandire L’artista Laura Petracca, nell’ambito della VI Edizione dell’iniziativa "Il Veliero Parlante” invitata a partecipare come "Artista a Bordo del veliero", dal 16 al 23 Maggio prossimi, esporrà alcune opere astratte d'ispirazione futurista, presso il Castello di Copertino.

Insieme a queste, la Petracca presenterà un’opera pittorica dal titolo: "Il veliero dei sogni" di dimensioni 50x70 cm , realizzata con tecnica coloristica mista, dedicata all’iniziativa artistica, che al termine dell’ esposizione sarà donata all'Istituto comprensivo "G.Falcone" di Copertino, ente formativo organizzatore dell’evento, che annovera come partecipate anche l’artista Gian Piero Leo.

“II Veliero Parlante” è la VI mostra di libri prodotti dalle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di 1° e 2° grado che si svolgerà presso il Castello di Copertino (Lecce) dal 16 al 23 maggio 2015, a cura della omonima Rete regionale di scuole che opera dal 2008 e costruisce itinerari didattici innovativi per la promozione delle competenze chiave di cittadinanza attraverso la produzione di libri. Alla mostra è abbinato un concorso aperto a tutte le Istituzioni scolastiche Pugliesi che vedrà selezionati e premiati i libri prodotti dalle scuole. Il tema dell’edizione annuale del Veliero Parlante è: “Rotta Verso Il Futuro - Per una didattica Ecologica - Ambiente Cittadinanza Partecipazione.

Laura Petracca è nata a Specchia (Le) dove vive ed opera con studio, si è diplomata all’Istituto Professionale “Disegnatrice e Stilista di moda” e all’Accademia di Belle Arti “Decorazione” di Lecce. Insegna “Disegno e storia della moda e del costume” All’ I.I.S.S. Polo Professionale “ Don Tonino Bello” di Tricase/Alessano (Le), nell’indirizzo “Abbigliamento e Moda.” Dal 1982 Ha partecipato a numerose mostre collettive e personali, durante le quali ha ricevuto premi e riconoscimenti. Ha esposto a Roma, Firenze, Venezia, Specchia, Tricase Padova, Bologna, Bari, Lecce, Salsomaggiore Terme, Nardò, Montecarlo, Vico del Gargano, Montegiordano Marina, Spagna, Giappone, Corfù, Portovenere, Cremona, Taormina, Bergamo, ecc. Tra i premi più importanti ricordiamo: il Premio Nobel dell’Arte, Premio Mercurio d’Oro, Premio: “Una vita per la cultura”, Premio della Critica alla II Biennale Internazionale d’Arte Moderna e Contemporanea Città di Lecce, Premio Sguardi d’Autore “Artista tra Oriente e Occidente”, Premio Levante,“Premio Lupiae 2013”, ecc. Le sue opere, che sono in permanenza presso la Galleria"Immagini Spazio Arte" di Cremona, sono conservate in raccolte private e pubbliche: Galleria Veneta, Galleria Toscana e Accademia Firenze e le recensioni critiche dedicate alla Petracca sono presenti sulle maggiori riviste d'arte e pubblicate su testate nazionali ed è presente su varie riviste e cataloghi d’arte a livello Nazionale ed Internazionale.

Laura Petracca nel 2013 ha pubblicato il libro “Il senso dell’incanto”, con versi di Pina Petracca - Edizione Libellula che racchiude lungo le sue pagine un percorso artistico esemplare che si snoda lungo 15 opere pittoriche dell’artista specchiese e altrettante opere poetiche della poetessa Pina Petracca. Sfogliando il volume si avverte un piacevole trasporto tra paesaggi, dove sovrano regna il silenzio, e parole di poesia che fanno udire la propria voce discreta e decisa per rinfrancar lo spirito, invitando il lettore a vivere momenti magici tra passeggiate e soste, per penetrare e sedurre il suo sguardo in un continuo dialogo tra le arti. Nel “Il senso dell’incanto”,l’attrice Paola Pitagora così scrive : “Le due artiste si parlano in strano accordo e si completano, con grande immediatezza.” E continua: “Laura ci presenta un umile albero solitario su uno sfondo azzurro e Pina le regala il grido di orgoglio: …questa solitudine non è la mia, ma è degli assenti estirpati alla terra, è della terra a cui strappano i figli. Mia è la linfa che mi percorre…. E la linfa scorre libera e vitale dalla mano dell’una, alla penna dell’altra. Guardare per credere. E sognare.”

 
     
 

Fonte Notizia: StudioAntonazzo
 

Data: 16/05/2015;      Notizia Letta: 1421 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piú importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor