Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

 

LA REGISTA SPECCHIESE ROSARIA RICCHIUTO AL TEATRO ROMANO DI LECCE CON "LE TROIANE DI EURIPIDE"

 

Dalla rubrica "Cultura" di www.Specchia.it

 
 

LA REGISTA SPECCHIESE ROSARIA RICCHIUTO AL TEATRO ROMANO DI LECCE CON "LE TROIANE DI EURIPIDE"

 
 

Martedí 10 Giugno 2014 alle ore 21.00

 
     
 

Clicca per ingrandireGli studenti del Liceo 'Virgilio' Lecce in collaborazione con la Compagnia 'Teatro Solatia' diretta dall'attrice e regista Rosaria Ricchiuto, Martedì 10 Giugno 2014 alle ore 21.00 porteranno in scena presso il Teatro Romano di Lecce “Le Troiane di Euripide” per la Regia di Rosaria Ricchiuto, nell’ambito del Progetto “Virgilio in scena”

Lo Spettacolo è inserito nella Rassegna "Teatro in Jeans "organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Lecce, con il Patrocinio della Città di Lecce e della Provincia di Lecce

L'evento è FRIENDS OF LECCE2019 e sostiene e promuove la Candidatura della Città di Lecce a Capitale della Cultura Europea 2019.

La tragedia

Le troiane, o Le troadi (Τρώαδες in lingua originale), è una tragedia di Euripide, rappresentata per la prima volta nel 415 a.C.

L'opera venne messa in scena nell'ambito di una trilogia legata alla guerra di Troia, di cui facevano parte anche le tragedie Alessandro e Palamede (oggi perdute).

Alla fine della trilogia venne rappresentato anche il dramma satiresco Sisifo (anch'esso perduto).


Trama

La città di Troia, dopo una lunga guerra, è infine caduta.

Gli uomini troiani sono stati uccisi, mentre le donne devono essere assegnate come schiave ai vincitori. Cassandra viene data ad Agamennone, Andromaca a Neottolemo ed Ecuba ad Odisseo.

Cassandra predice le disgrazie che attenderanno lei stessa e il suo nuovo padrone una volta tornati in Grecia, ed il lungo viaggio che Odisseo dovrà subire prima di rivedere Itaca.

Andromaca subisce una sorte terribile, poiché i greci decidono di far precipitare dalle mura di Troia Astianatte, il figlio che la donna aveva avuto da Ettore, per evitare che un giorno il bambino possa vendicare il padre e per porre fine alla stirpe troiana.

Successivamente Ecuba ed Elena si sfidano in una sorta di agone giudiziario, per stabilire le responsabilità dello scoppio della guerra.

Elena si difende ricordando il giudizio di Paride e l’intervento di Afrodite, ma Ecuba svela infine la colpevole responsabilità della donna, fuggita con Paride perché attratta dal lusso e dall’adulterio.

Alla fine, il corpicino di Astianatte viene riconsegnato ad Ecuba per il rito funebre, Troia viene data alle fiamme, e le prigioniere vengono portate via mentre salutano per l’ultima volta la loro città.

 
     
 

Fonte Notizia: Cesare Vernaleone
 

Data: 09/06/2014;      Notizia Letta: 1702 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piú importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor