Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

LU DOI DE NOVEMBRE (UMILE OMAGGIO AL DIALETTO…SCOMODANDO TOTO'')

 

Dalla rubrica "Cultura" di www.Specchia.it

 
 

LU DOI DE NOVEMBRE (UMILE OMAGGIO AL DIALETTO…SCOMODANDO TOTO'')

 
 

Versione, in dialetto specchiese, della famosa ''Livella'' creata dal nostro concittadino Francesco CORCHIA

 
     
 

Clicca per ingrandireI miei genitori parlavano solo dialetto; io parlo prevalentemente italiano; probabilmente i miei figli parleranno solo italiano.

Nell’immediato vien da sorridere nel mettere a confronto nonni e nipoti per assistere alle loro goffe performances linguistiche (l’italiano maccheronico degli uni e il dialetto altrettanto maccheronico degli altri), ma è sufficiente una riflessione un po’ più profonda per rendersi conto che si tratta di un sorriso “amaro” perché, se l’italiano dei nonni è un lodevole tentativo di omologazione linguistica, il dialetto dei nipoti è il segno evidente dell’agonia di una lingua destinata a scomparire, con buona pace di quell’immenso, straordinario patrimonio culturale che le generazioni che ci hanno preceduto ci chiedono di custodire gelosamente.

Nasce da questa riflessione il mio “umile omaggio al dialetto” che non vuole assolutamente essere un de profundis, ma piuttosto un invito, ai giovani, ad apprezzare, a gustare il fascino, la bellezza della lingua dei loro antenati, e soprattutto, un invito, nel dare il colpo di spugna in ossequio alla omologazione, a farlo con rispettosa delicatezza.

Per fare ciò ho scomodato il grande Totò e, in particolare, la sua poesia più famosa: “La livella”, che si presta per la sua notorietà, per la sua semplicità, per la sua immediatezza, e soprattutto, perché mi dà la possibilità di mettere a confronto e far dialogare le due lingue (l’italiano e il dialetto) per esaltarne le differenze. Mi è sempre piaciuto, infatti, immaginare il dialogo tra la contessa e la contadina (il marchese e il netturbino nella versione originale di Totò) come se fosse il dialogo tra l’italiano e il dialetto per esaltare la contrapposizione tra un linguaggio aulico, forbito, curato, macchinoso (l’italiano della contessa) ed un linguaggio rustico, semplice, diretto, immediato (il dialetto della contadina). Non si tratta di stabilire delle preferenze ma di evidenziare quelli che sono gli elementi distintivi che consentono ai due linguaggi di viaggiare su due binari diversi alla stessa velocità, con pari dignità.

Il mio “umile omaggio al dialetto” è una versione, in vernacolo salentino, della celebre “Livella” di Totò. Rispetto alla versione originale cambiano i personaggi, i dialoghi, la composizione dei versi, restando invariata la struttura (26 quartine con versi a rima alternata), il filo conduttore e la morale della composizione.

Nella speranza di non aver oltraggiato il grande Totò il mio “umile omaggio al dialetto” vuole essere soltanto un umile omaggio a tutti i dialetti, vittime sacrificali della omologazione, e un augurio di lunga vita al dialetto napoletano con il quale Totò ci ha deliziati della sua “Livella”.





Ogn’annu, lu doi de novembre, lu cimiteru
se anima de gente, vestùta de tuttu puntu,
ca cu lu core ‘mmanu e a ‘ncapu lu penzieru,
vane fface visita allu parente defuntu.

Ogn’annu, ieu, quannu ‘rria ‘stu giurnu funestu,
me azzu la mmane ca me pàrpita lu core,
ca nu me do canza mancu cu me vestu
percè aggiu scire ttrovu lu nonnu Tore.

St’annu, però, aggiu ccappatu ‘nu cazzunculu:
dopu c’aggiu provvidùtu allu dovere meu:
Gesù Cristu meu, me scula ‘ncora lu suduru,
‘nu chiovu allu cervellu ca nu rrièsciu mme lu ‘lleu.

Sentìtime bbonu ca ‘stu cuntu nu ttocca bbe manca:
s’era fattu tardu e lu cimiteru sta chiudìa,
e a mie va mme sguària l’occhiu su quarche chianca
propriu mentre chianu chianu sta me ne ‘ssìa.

“Reqiem aeternam alla nobile contessa,
signora de le Matine, i Paduli e il Palummaro,
di grazia e bontade anima invitta e indefessa,
che il 10. 10. 2010 lasciò il suo borgo più caro”.

‘Cchiu’ ca ‘na lapide parìa ‘nu mausoleu,
cu tantu de stemma de lu nobbile casatu,
cu ‘na falàra de lampadine tuttu ‘ntornu a corteu
e cu fiuri de stagione tuttu addobbatu.

Propriu ‘ncuddhrata alla tomba de tanta signurìa
nc’era ‘n’autra tomba, piccinneddhra, abbandunata,
senza mancu ‘nu fiùru cu li face compagnia,
cu soltantu ‘na croce de tufu…menza rusacàta.

E sutta la croce a stenti se leggìa:
“Felice Addolorata – contadina”.
Che straziu, che pena me facìa:
mancu lu cunfortu de ‘na misera lampadina.

Cusì va lu munnu, me ragiunava, non c’è niente da fare,
ci s’ha paparisciàta ‘ntru sfarzu e ci s’ane sempre scutursata:
‘sta povera furese putìa mai immaginare
ca puru all’autru munnu la stessa sorte era riservata?
Mentre ‘sti pinzieri me trubbàvene lu cervellu,
allu scuru, l’occhi mei, secutàvene lu campusantieri
ca cu tre giri de chiai ‘nserrava lu cancellu
e a mie pe’ la paura se rilassàvene li sfinteri.

Tuttu de paru ci bbìsciu in lontananza?
Doi ombre strolacàre ‘ntra lu cimiteru;
penzai: “Gesù Cristu meu, e ci ggè ‘sta stravaganza?
M’aggiu ‘mbriacàtu senza mancu pprovu mièru?”

Autru ca ‘mbriàcu: era la cuntessa
cu lu turbante, la mantella e lu ‘mbrellinu ‘mmanu;
e ddhr’autra de costi, tutta vestùta a fessa,
cu ‘na pajetta a ‘ncapu cu tre spiche de ranu.

E chira certamente è la cummare ‘Ndulurata,
la furese de ddhra lapida de tufu ca sta sse squaja;
a mie ‘sta cosa me pare ‘nu picca stunata:
lampu, su morte e la lingua continua ttaja?!

Sta mme venìa lu tremulizzu alli denti
quannu la contessa se chianta a mmenzu ’u viale,
e cu doi occhi ca parìvene doi craùni ardenti,
alla povera ‘Ndulurata li disse papale papale:

“Or come osate, miserevole signora,
voi, che faceste voto di viver nel fango,
concedervi, al mio fianco, l’eterna dimora
e con la vostra presenza umiliare il mio rango?

Vi lusinga forse la squallida idea
che è sufficiente splendere di luce riflessa
per indurre indegnamente una volgare plebea
a mettersi al pari di una nobile contessa?

Tra i vostri pari, dunque, cercate sepoltura
rimediando in tal modo al becero errore
e lasciate che la mia effige, di ben altra levatura,
ritorni solinga al suo magico splendore”.

“Signora cuntessa ci bboi ‘tte fazzu
se de costi a vossìa me ritrovu ‘nchiautàta?
Marìtama è statu ca cu ddhra capu de cazzu
ha penzatu cu cumbina ‘sta brillante puttanata.
S’era vìa te dìa soddisfazione:
de bona furese m’era fattu ‘nu bellu surcu
e comu ‘na fusciddhra, senza esitazione
m’ìa precata puru senza sabburcu”.

“E cosa aspettate a realizzar l’intento?
Ch’io, per la rabbia, non riesca più a vedere?
Se il mio rango non fosse stato di impedimento
vi ci avrei già spedita a calci nel sedere”.

“E famme bbìsciu ‘sti càuci comu li ‘mpizzi,
cara contessa ca era in vita depressa;
la ‘mmesti ca su morta e nu me piju cchiui certi sfizi,
ca sinò t’era cumbinata comu ‘na vulìa sutta ‘a pressa.

Ma ci te penzi ca sinti, lu Patreternu?
Cu tutti ‘sti nnicchinnonni, tutti ‘sti prucessi;
capiscu ca pe’ tie quistu è ‘nu bellu piernu,
ma qqua’ intra ttocca tte capàciti: simu tutti li stessi”.

“Come osate, infame cialtrona
elevarvi al mio grado senza debita licenza?
Io, che mi fregio di stemma e corona
da voi esigo esser chiamata eccellenza”.

“Ma ci stemma, curuna, eccellenza, tutte ‘ste fantasie?
Damme retta a mmie, gira bona la rotella
e vì ca te pàssene ‘ste malatìe.
La morte lu sai ci ggè? E’ ‘na livella!

Passatu ‘stu cancellu ognunu ttocca sse spòja
de tutte ddhre illusioni ca l’hannu ‘ccumpagnatu in vita;
qqua’ intra nu nc’è postu pe’ l’umana ‘mbròja.
Cu tte llevi ddhra nobbile maschera nu si’ ‘ncora riuscita?

Perciò, cuntessa, fija beddhra, cu tte trìbuli vulìa lla spicci:
zziccàmene pe’ manu…e sorridìmu,
lassàmili alli viji tutti ‘sti picci,
nui simu serie, alla morte appartenimu”.

 
     
 

Fonte Notizia: Francesco Corchia
 

Data: 16/10/2011;      Notizia Letta: 1892 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piú importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor