Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

 

SPECCHIA: UNO DEI 90 BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA…

 

Dalla rubrica "Cronaca" di www.Specchia.it

 
 

SPECCHIA: UNO DEI 90 BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA…

 
 

… e anche uno dei piu’ crudeli

 
     
 

Clicca per ingrandireSpecchia, ridente cittadina in provincia di lecce, annoverata tra i “90 borghi più belli d Italia” sta ormai diventando famosa anche per i casi di avvelenamento nei confronti degli animali.

Da anni nella piazza principale di Specchia, Piazza del popolo, stazionano dei cani che vengono accuditi amorevolmente da alcuni volontari, alcuni di questi cani partecipano a feste e processioni ed entrano anche in chiesa ( con disappunto di alcuni), ma da anni si assiste impotenti a fenomeni di avvelenamento di massa, e grazie solo all’ausilio di volontari che i cani vengono salvati.

L’ultimo caso risale a ieri. GIGI è un incrocio di maremmano, uno dei tanti randagi colpevoli, colpevoli di essere stati abbandonati, e quindi ieri pomeriggio intorno alle 14.30 un solerte cittadino ha deciso di punirlo, somministrandogli con quasi assoluta certezza del lumachicida.

Questo cucciolone ha iniziato ad essere percorso da spasmi e convulsioni e si è rifugiato sul pianerottolo di casa di una signora, tra l’altro animalista, che ha allertato un'altra animalista, che passava per caso dalla strada.

Riconoscendo subito, purtroppo per esperienza, i sintomi dell’avvelenamento, ha cercato di allertare i vigili urbani, in pausa, a quel punto, constatando il progressivo peggioramento delle condizioni di salute del cane, ha allertato la dott.ssa Orsini di Tricase, che intervenendo prontamente ha soccorso il cane, che sembra ormai fuori pericolo.

E’ vergognoso come il soccorso degli animali in difficoltà, sia affidato nell’intera zona di Lecce al buon cuore dei volontari, che come schegge impazzite corrono qua e là cercando di fare del loro meglio.

E’ vergognoso che i piani di sterilizzazione massive, che coinvolgono anche cani di proprietà (che sono poi i futuri randagi) non vengono attuati nonostante le sollecitazioni di noi volontari, è vergognoso che tutti asl, e amministratori se ne lavino le mani dicendo di non avere soldi, pagando però cifre ingenti per la pensione dei cani presso canili privati che spesso e volentieri vietano l’ingresso dei privati…chissà perché.

Per pagare fior di quattrini queste strutture, spesso canili-lager, i soldi si trovano…..per le sterilizzazioni dei cani di strada no….e tantomeno per la creazione di canili comunali, come la legge impone.

A questo punto i conti non tornano.

 
     
 

Fonte Notizia: Ilaria Chiriatti
 

Data: 14/09/2011;      Notizia Letta: 1907 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piú importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor