Tutte le Notizie dal 2011
Sport  

Visite dal 01-05-2001

 

 

Sponsor di Specchia.it

 

DECRETO MILLEPROROGHE

 

Dalla rubrica "Attualitá" di www.Specchia.it

 
 

DECRETO MILLEPROROGHE

 
 

Secondo la Segreteria Provinciale dei Giovani Udc di Lecce incide negativamente sulle casse delle famiglie e sulle prospettive occupazionali e di qualitá della vita dei giovani

 
     
 

Clicca per ingrandireLa segreteria provinciale dei Giovani U.D.C. di Lecce con il presente comunicato stampa intende rappresentare tutta la sua contrarietà in relazione alla legge 10/2011 di conversione del Decreto-Legge 29/12/2010, n. 225, recante «Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi urgenti in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie» (cosiddetto «Milleproroghe»).
A nostro avviso, tale legge incide negativamente sulle casse delle famiglie e sulle prospettive occupazionali e di qualità della vita dei giovani. Il provvedimento in oggetto non è altro che il risultato della sommatoria di micro-interessi e di spinte di singoli parlamentari, che ancora una volta affossa le speranze e le prospettive di noi giovani, incidendo sia in via diretta che mediata, per il tramite delle famiglie, sulle nuove generazioni.
L’esempio fornitoci dagli attuali Governo e maggioranza in relazione agli “aiutini” per pochi soggetti (vedasi quote latte, abusivismo edilizio, monopoli dell’informazione, ecc.), e contestualmente l’ennesimo aggravio di costi della politica che si accompagna ad una politica economica a dir poco disastrosa, sono lo specchio non solo di questa legge, ma anche dell’agire di questo Governo.
A tal proposito organizzeremo una serie di manifestazioni in tutte le piazze per rendere partecipi tutti i cittadini dello scempio in atto e del tentativo di affossare il futuro occupazionale dei giovani.
Vergognosa, infine, la statuizione prevista all’interno del testo, con la quale si finanziano le proroghe per il pagamento delle sanzioni per le quote latte, anche con i fondi destinati all’assistenza, la ricerca e la cura dei malati oncologici.
Per tali motivi, che di seguito esponiamo dettagliatamente, da oggi intendiamo avviare una campagna informativa che provocatoriamente abbiamo voluto chiamare “Ridateci il nostro futuro (….Abbiamo il diritto di sognare)”, e che ha come prima tappa un sit-in di protesta sotto la sede del Nuovo quotidiano di Puglia - Lecce domani 12 marzo 2011 alle ore 11:40.

Proroghe sulle multe quote latte:
ai danni dei produttori che, non avendo rispettato la normativa sulla produzione delle quote latte, hanno ricevuto le multe corrispondenti, ancora una volta e per espresso volere della Lega Nord beneficiano dell’ennesima proroga per il pagamento delle stesse. Solo che, questa volta, a finanziare la dilazione saranno anche i malati di cancro.
Questo perché, in base a quanto previsto, i 5 milioni di euro necessari a dare copertura finanziaria alla riapertura dei termini di adesione alla rateizzazione, verranno prelevati da un fondo di 50 milioni di euro, istituito dalla Finanziaria 2011 per «interventi urgenti finalizzati al riequilibrio socio-economico, allo sviluppo dei territori, alle attività di ricerca, alle attività di assistenza, ricerca e cura dei malati oncologici e alla promozione di attività sportive, culturali e sociali». Tutto ciò per agevolare poche centinaia di allevatori riluttanti a pagare le multe.

Tassa sui biglietti del cinema:
A partire dal primo luglio (e fino a 2013, salvo ulteriori proroghe) ogni spettatore verserà un euro di tassa sul prezzo del biglietto del Cinema. Sono esclusi i cinema di comunità ecclesiali o religiose.

Assecondato l’abusivismo edilizio:
Per tutto il 2011 sono sospese le demolizioni di costruzioni abusive in Campania, anche nelle aree vincolate da norme di tutela paesaggistica, disposte a seguito di sentenza penale che ne dispone l’abbattimento. Un calcio alla legalità (l’ennesimo) ed alla tutela del Nostro bel Paese. Un incentivo a costruire abusivamente.

Più soldi alla politica locale:
Nelle città con più di 250mila abitanti, progressivamente considerate «città metropolitane», vengono reintrodotti i gettoni di presenza per i consiglieri di zona e di quartiere. Introdotti anche i permessi retribuiti per i consiglieri, che non possono superare il 25% dell'indennità prevista per il presidente. Tutto ciò si accompagna alla volontà di aumentare i posti di Governo nazionale. Aumentano i consiglieri (da 12 a 15) e gli assessori (da 48 a 60) per le città con più di un milione di abitanti (Milano e Roma, ambedue governate dal centrodestra).
Insomma, il risparmio enunciato, nei fatti diviene aumento della spesa politica.

Aumento delle tasse per le Regioni che subiscono una calamità naturale:
I presidenti delle Regioni colpite da calamità naturali, se non hanno disponibilità in bilancio per affrontare l'emergenza, possono deliberare l'aumento di aliquota delle addizionali o dei tributi propri, in deroga al blocco. Se non basta possono anche aumentare l'aliquota dell'accisa sulla benzina fino a 5 centesimo per litro. L’ennesimo aumento che graverà sui cittadini svantaggiati.

Sanatoria, ma solo per i Partiti:
Chi ha affisso manifesti elettorali abusivamente dopo il 28 febbraio 2010, può sanare il tutto pagando mille euro una tantum. Quindi i partiti politici imbrattano le nostre città in campagna elettorale affiggendo manifesti fuori dagli spazi consentiti, i Comuni spendono soldi pubblici per ripulire questi imbrattamenti e gli stessi partiti politici fanno una sanatoria per azzerare un abuso compiuto dai loro simpatizzanti.

Garantita la realizzazione di monopoli:
Dal prossimo 1° aprile chi possiede una televisione potrà acquistare un giornale. Per fare un esempio il gruppo Mediaset potrebbe tentare la scalata al Corriere della Sera accentrando ancora di più la concentrazione dei media italiani su un unico soggetto.
Nella classifica sulla libertà di stampa nel mondo l’Italia è al 42° posto, ed è ultima tra i paesi dell’Europa occidentale.

Giovani Avvocati:
Un ulteriore tema oggetto di intervento è rappresentato dala obbligatorietà dell’iscrizione alla cassa previdenziale per tutti i giovani che avendo conseguito l’abilitazione si iscrivono all’albo degli avvocati. Una spesa, che sommata a tutte le altre,di fatto ostacola l’esercizio della professione da parte di un giovane avvocato.



Il responsabile Ufficio Stampa
Giovani Udc Lecce

Angelo Cazzato

 
     
 

Fonte Notizia: Alvaro Andrea Zippo
 

Data: 12/03/2011;      Notizia Letta: 1612 volte.

 
 

 

 
     

 

Partners Specchia.it

 

 

Cerca con GOOGLE



 

Cerca nel sito www.specchia.it

Cerca nel WEB

 

Sponsor

 

 

Newsletter

Per avere le notizie piú importanti di Specchia-News,
inserisci il tuo indirizzo e-mail!


 

 

Sponsor