Logo IWBank 235x60  

LA COMPAGNIA TEATRO SOLATIA DI SPECCHIA VENERDI' 12 FEBBRAIO ALLE ORE 21.00 PRESSO IL TEATRO ILLIRIA DI POGGIARDO

 L’attrice e regista Rosaria Ricchiuto porta in scena Cibo & Eros

 

Clicca per ingrandireRiparte dai palcoscenici di Poggiardo e Galatone la tournèe dell’attrice e regista specchiese Rosaria Ricchiuto che ripropone lo spettacolo teatrale Cibo & Eros che ha registrato grande successo durante la scorsa estate, ma in una versione riveduta e corretta, con molte novità e con l’inserimento di filmati ed intermezzi musicali che rendono lo spettacolo più coinvolgente e stimolante

Cibo & Eros sarà portato in scena dalla Compagnia Teatro Solatia di Specchia Venerdì 12 Febbraio alle ore 21.00 presso il Teatro Illiria di Poggiardo.

L’ingresso è gratuito.

Lo spettacolo “CIBO & EROS”, nasce da un’idea di ROSARIA RICCHIUTO, che ne è anche la regista e l’attrice protagonista, e viene portato in scena dalla Compagnia Teatrale SOLATIA di SPECCHIA.

In “CIBO & EROS” la protagonista è una donna in un gioco teatrale basato sull’incontro con il pubblico, che viene chiamato in scena.

Il cibo sarà l’occasione per incontrarsi e fare festa ed avrà un ruolo fondamentale: a tavola, i piaceri, i dispiaceri, gli incontri, gli scontri, hanno fatto dell’arte culinaria un’immagine specchio della società.

Dietro ai sapori, agli odori, si nascondono tantissimi significati: il nostro corpo, la nostra mente, la psicologia, l’educazione, la cultura, il desiderio, l’eros, il sesso, la creatività, la voglia e l’immaginazione che trasformano il cibo in un vero e proprio linguaggio.

Attraverso la voce dell’attrice si attraversano le arterie più calde dell’Amore, assaporandone il gusto, accompagnato dalla degustazione di prodotti tipici locali e sorseggiando un calice di ottimo vino salentino, prendendo spunto dai versi di celebri poeti quali Pablo Neruda, Nazim Hikmet, Charles Baudelaire e le scelte musicali accompagneranno l’evento come un controcanto.

 
Data: 11/02/2010; Notizia Letta: 1368 volte
Fonte Notizia: Cesare Vernaleone

 

<<< torna indietro

www.specchia.it