Logo IWBank 235x60  

SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI E L’INQUINAMENTO AMBIENTALE, L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPECCHIA E’ LATITANTE! EPPURE LA TASSA ANNUALE SUI RIFIUTI É DI QUASI 500 EURO...

 Lettera aperta del dott. Santino Giangreco

 

Clicca per ingrandireGIANGRECO SANTO
Via Amendola
73040 SPECCHIA

Al sindaco di Specchia

Al capogruppo di minoranza

All’associazione ECOSPO
Di Specchia



Egregio sig. Sindaco
Ho ricevuto pochi giorni fa, come credo gli altri cittadini di Specchia, la busta contenente la tassa relativa ai rifiuti solidi urbani. La somma complessiva ammonta a quasi 500 €. Io credo che questa tassa così com’è concepita è esagerata ed ingiusta per vari motivi che le dirò. Premetto che il sottoscritto ha sempre pagato tutto ciò che c’era da pagare.
Da qualche anno la mia famiglia attua la raccolta differenziata: abbiamo il sacchetto della plastica, della carta e del vetro, mentre i rifiuti organici li smaltiamo nel nostro terreno; pertanto conferiamo pochissimo presso i cassonetti dei normali rifiuti. Ma è mai possibile che ogni volta che vado a portare i sacchetti differenziati nei diversi contenitori gli stessi sono nel 99% dei casi sempre pieni e straripanti, con materiale che si accumula vergognosamente anche nei dintorni? Ma quando vengono svuotati questi maledetti contenitori? Ma la tanto discussa “Petra” come lavora? Perché la paghiamo? E soprattutto l’Amministrazione Comunale che fa? Quasi sempre sono costretto a tornarmene a casa col sacchetto in spalla, pieno, educatamente. Perché dobbiamo essere penalizzati e dal servizio ed economicamente? Perché facciamo la raccolta differenziata!! ! ? Conferiamo nei cassonetti normali una busta di rifiuti, massimo due, la settimana, perché debbo pagare quasi 500 € all’anno? Non è sufficiente fare, come ha fatto qualche associazione, delle foto per esporle nella notte bianca, cosa significano? Di chi è la responsabilità? E’ colpa dei cittadini se i contenitori non vengono mai svuotati? Certo, molti, esasperati, decidono di lasciare tutto a terra nei pressi dei contenitori, probabilmente sbagliando, perché non è né rispettoso né educatamente corretto. Ma certamente non ce li possiamo tenere in casa. Chi è più maleducato e irrispettoso fra le due parti, i cittadini o l’Amministrazione Comunale? Io dico che c’è una buona predisposizione da parte dei cittadini a fare la raccolta differenziata, ma non vengono né educati né guidati dall’Ente pubblico visti i comportamenti di cui prima.
Sig. Sindaco, vanno bene le notti bianche, verdi, nere, gialle o qualsiasi colore si voglia dare alla notte; vanno bene ì cortometraggi ed i films; va bene la popolarità del paese. Ma l’ambiente, l’ambiente è una cosa seria. E’ sull’inquinamento ambientale, sullo smaltimento dei vari tipi di rifiuti che si gioca il futuro, la civiltà e, oserei dire, la sopravvivenza dei nostri figli, delle nuove generazioni. Vogliamo aspettare di vedere anche qui Napoli e la Campania? Mi auguro proprio di no. L’Amministrazione Comunale su questo problema è latitante, o se è presente è vergognosamente presente.
Scusandomi per averle rubato un po’ del suo tempo invio
Distinti saluti

Dott. Santino Giangreco


 
Data: 01/09/2007; Notizia Letta: 1716 volte
Fonte Notizia: Dott. Santino Giangreco

 

<<< torna indietro

www.specchia.it