Logo IWBank 235x60  

''IN-COLORE'' DAL 4 AL 30 APRILE 2007

 Personale di Luigi De Giovanni a Lecce

 

Clicca per ingrandireInaugurazione: 4 aprile 2007 - Vernissage: ore 20
Curata da: Carmen De Stasio
Presenta l’artista: Carmen De Stasio
Beauty and Book Salon - Via Fazzi, 20 - Lecce
Dal 4 al 30 aprile 2007

Un Beauty and Book Salon è un luogo inconsueto per una mostra d’arte, è un luogo dove si cura la bellezza del corpo che, in questo caso, diventa luogo, anche, per la bellezza dello spirito.
Si parla d’alchimia dei colori nei maquillage e nei dipinti: entrambi ricercano la poesia del bello.
Si… di bello si tratta, sia quando ci si riferisce ai sempre più sofisticati corpi o ai visi delle persone, che nell’arte dove la creazione d’opere, le cui emozioni di poesia dolce e malinconica si contrappongono a quelle tragiche e di distruzione, indagano il bello o il brutto della vita. Questo incontrarsi e allontanarsi di sentimenti, che nella pittura originano armonie e dissonanze di colori, ben sposa i turbamenti di corpi “imperfetti” che in un beauty salon ricercano i sogni e gli ideali di bello, spesso appagati.
Nella presentazione critica la professoressa Carmen De Stasio ben descrive il mondo di “colori” dell’artista Luigi De Giovanni (www.degiovanniluigi.com).

“IN-COLORE”
Fiammelle di luce come falene danzano sulla tela lasciando tracce di colori, che si ricompongono fino a formulare un’immagine evanescente. Il sogno si imprime nella mente, allude ad una figurazione reale che rimanda ad un’evocazione incorporea, ma viva. Una prospettiva nella quale l’espressione artistica del Maestro si propone quale strategia di interpretazione di una poesia elegiaca, che accelera la trasfigurazione in una policromia infinita e supera la scena estemporanea. I bagliori e le linee scomposte del pennello si riuniscono in un ordine naturale, in una corporeità diretta che diventa forma nel colore. Impressioni che giocano con i raggi del sole che colpiscono e lasciano di sé impronta indelebile nel ricordo, un’intenzione che si rivela nel cromatismo sfrenato quale anelito e segno di fuoco. Dinamico passaggio. Ascensione verso la quiete. Il vorticoso e sfrenato dilatarsi dei “luminelli” in spazi che diventano essi stessi campi di luce, trafiggono la materia, ne assumono la corporeità e diventano anima delle cose. Ne risulta una figurazione di pensiero, i cui temi essenziali sono tratti da interpretare secondo una lettura personale. La pennellata corporea ad olio dona compattezza e liquidità alla figurazione e realizza un movimento che appare ritmato in un’univocità di tono e dinamica sensibile, che realizza le intenzioni artistiche del Maestro. Il cromatismo tonante crea un intreccio funambolico e intimo con le sensazioni, in un’agitazione che sintetizza sul piano l’incontro dialettico con la capacità di raffigurare la natura nel suo dinamismo, nella sua espressione camaleontica di continua trasformazione. La forma finale è esattamente quella che l’artista intende concepire allo scopo di recuperarne l’essenza intima, riformulando una struttura che si avvicina sempre più al contesto natura e con esso si immedesima, andando a ricomporre un ordine elaborato, celebrato e sintomatico della propria visione.
(Carmen De Stasio)

 
Data: 26/03/2007; Notizia Letta: 1952 volte
Fonte Notizia: Il Raggio Verde comunicazione

 

<<< torna indietro

www.specchia.it