Logo IWBank 235x60  

PESCOLUSE (SALVE) L'ATTIVITÁ VENIVA SVOLTA SENZA ALCUNA AUTORIZZAZIONE

 Ciak, la concessione non é valida

 

Clicca per ingrandireIl tratto di litorale può così essere restituito ai villeggianti

«La Ciak deve sgombrare entro 48 ore». E' quanto stabilisce un'ordinanza del Comune di Salve con la quale «si diffida la società dall'esercitare sull'area demaniale ottenuta in concessione attività relativa alla balneazione», ordinando appunto «lo sgombero di tutte le attrezzature». Si chiude così il capitolo di una vicenda iniziata quando la società, a stagione inoltrata, aveva deciso di realizzare uno stabilimento in base ad una concessione ottenuta, intimando i bagnanti di liberare lo spazio.

Era partita così la vicenda che si era concretizzata nella protesta dei turisti che da un giorno all'altro si erano visti cacciati. Da lì erano partite anche sollecitazioni che hanno portato all'intervento, oltre che del Comune di Salve, dei carabinieri e della Capitaneria di Porto. A seguito di un sopralluogo effettuato nella zona interessata gli agenti dell'Arma hanno verificato che «lo stabilimento balneare denominato Blu Bay Beach esercitava l'attività senza alcuna autorizzazione comunale». Successivamente i carabinieri provvedevano ad inoltrare copia del verbale alla Regione, al sindaco di Salve, e per conoscenza alla prefettura di Lecce.

Da parte sua l'ufficio locale marittimo di Leuca provvedeva ad evidenziare al comando di polizia municipale di Salve che dal controllo effettuato sullo stabilimento balneare in questione «è stato constatato che lo stesso utilizza l'area in concessione solo per posa di ombrelloni e sdraio senza gli annessi servizi (locale pronto soccorso, bagni, cabine doccia) omettendo quanto prescritto sull'atto concessorio».

Da qui la segnalazione alla Regione Puglia e la relativa richiesta di decadenza della concessione per «mancata esecuzione delle opere prescritte nella concessione». «E' inqualificabile la lentezza e la disattenzione delle istituzioni - dice Vito Vergine, titolare del lido Le Maldive - Situazioni del genere andrebbero risolte subito»

 
Data: 09/08/2006; Notizia Letta: 1309 volte
Fonte Notizia: Gazzetta del Mezzogiorno

 

<<< torna indietro

www.specchia.it