Logo IWBank 235x60  

UN ALTRO PARCO NATURALE REGIONALE NEL SALENTO

 Lo “Sportello dei Diritti” in collaborazione con il Centro Educativo scout/studio Osservazione Natura rilancia il Parco Naturale Regionale degli “Alimini”

 

Clicca per ingrandireMentre i mass-media hanno dato risalto alla definitiva approvazione dell’istituzione del Parco del Pizzo come ultimo Parco del Salento, sono rimaste nel cassetto le previsioni della Legge Regionale 24 luglio 1997 che stabiliva fra l’altro la realizzazione di un altro Parco Naturale Regionale – il Parco degli “Alimini” - che pur previsto con la sigla “C2” , quindi il secondo parco da costituire dopo il Parco di Rauccio non è stato sin d’ora realizzato.

La creazione di un Parco regionale nell’area indicata con il relativo aumento dei controlli eviterebbe gli interventi sconsiderati dell’uomo - ultimo degli esempi, ma non unico, il caso Baia dei Turchi – salvaguardando – come vuole la legge regionale del 97’ - l’habitat naturale, i beni storico architettonici e, tra l'altro, riqualificando le attività eco-compatibili – non da ultimo la piccola proprietà contadina - per migliorare la qualità della vita dei residenti e quindi vietando attività e opere che possano compromettere la salvaguardia del paesaggio e degli ambienti naturali, con particolare riguardo alla fauna ed alla vegetazione.

Peraltro, si evidenzia che la maggior parte del territorio interessato è stato dichiarato Sito di Interesse Comunitario (S.I.C.) e pertanto sottoposto a vincoli non solo nazionali ma europei, quindi é giocoforza ricordare che anche se la legislazione nazionale possa intervenire con sanatorie ad hoc, queste non potranno essere supportate dall’Unione Europea, che già più volte ha sanzionato l’operato dell’Italia in materia di tutela ambientale con sanzioni di notevoli entità.

Di recente nella zona, è stato costituito il “Comitato spontaneo di Tutela dell’Oasi di Rifugio di Frassanito che alla data odierna è supportato da numerose Delibere di adesione di Comuni Salentini sensibili alla difesa del territorio e della sua conservazione.

Lo “Sportello dei Diritti” della Provincia di Lecce, pertanto, si attiverà affinché anche questa preziosa area del Salento sia sottoposta alle tutele conseguenti alla definitiva creazione del Parco naturale Regionale e per favorire il dovuto sviluppo ecocompatibile.

 
Data: 11/07/2006; Notizia Letta: 1210 volte
Fonte Notizia: Carlo Madaro (assessore provincia di Lecce)

 

<<< torna indietro

www.specchia.it