Logo IWBank 235x60  

DA 10 MESI L’ECOSPO, CONGIUNTAMENTE ALLA FIDAS E ALL’ASSOCIAZIONE SAN NICOLA DI MYRA, HANNO CHIESTO UNA SEDE OPERATIVA

 Fino ad oggi nessuna risposta dall’Amministrazione Comunale

 

Clicca per ingrandireIl gruppo ECOSPO saluta con piacere l’apertura, nel Comune di Specchia, di una sede della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori), la cui inaugurazione è avvenuta sabato 18 dicembre; e ringrazia quanti si sono adoperati perché ciò avvenga. La speranza è che per il bene e la salute della gente questo centro funzioni realmente e riesca ad assicurare importanti servizi quali: un’attività diagnostica e di prevenzione, che venga allestito un centro di ascolto, di informazione e di assistenza e che questo centro costituisca un punto di riferimento perché ogni cittadino possa avere risposte e aiuto.

E’ opinione unanime, tra gli esperti, che l’attenzione debba essere rivolta fondamentalmente a quelle strutture che alleviano il più possibile il dolore e la sofferenza di quanti si trovano ad affrontare il TUMORE, ma altrettanta importanza deve darsi alla PREVENZIONE di questo male.

E se una delle cause principali delle malattie tumorali è l’inquinamento ambientale (come spesso sostenuto da tutti gli oncologi, in primis il Dr. Serravezza e il Dr. Durini) sicuramente una attenzione particolare deve indirizzarsi verso tutte quelle attività che vengono svolte contro l’inquinamento e la devastazione ambientale. Nella lotta contro i tumori gli interventi intanto possono essere efficaci in quanto si agisce parallelamente ed inscindibilmente sia sulla PREVENZIONEA che sulla CURA.

Era esattamente in quest’ottica, e con questo spirito, che l’anno scorso l’ECOSPO ha organizzato il primo convegno su AMBIENTE E SALUTE dove venivano trattati insieme gli argomenti della prevenzione e della cura dei tumori avvalendosi di esperti in entrambi gli ambiti. Dobbiamo, purtroppo, constatare che in occasione della inaugurazione della sede LILT di Specchia di sabato scorso, si è voluto completamente escludere dalla iniziativa un’associazione di volontari che a Specchia continuamente, con proprie esclusive risorse, conducono una battaglia costante contro l’inquinamento liberando il territorio da rifiuti spesso tossici che, se lasciati abbandonati, finiscono nelle falde e nel terreno e quindi sulle tavole di tutti , o nell’aria, o piantando centinaia e centinaia di alberi che contribuiscono a ridurre l’anidride carbonica e le polveri presenti nell’atmosfera…. Che vigilano sul territorio riuscendo ad individuare i criminali che abbandonano i rifiuti assicurandoli alle forze dell’ordine competenti che più di una volta hanno elevato multe e costretto gli untori ad addossarsi le spese per lo smaltimento….. che conducono in maniera quasi ossessiva un’attività di informazione che mira a ridurre le attività inquinanti.

Ebbene sabato scorso, pur mettendo in evidenza, da parte di qualche relatore, l’importanza della lotta contro l’inquinamento ambientale nella fase della prevenzione dei tumori (il sindaco ha assimilato l’intervento della LILT a quello dei pompieri che intervengono per spegnere il fuoco che lascia dietro di sé solo macerie, sottolineando quanto è importante invece che si impedisca che il fuoco venga appiccato) si è dato l’ordine tassativo di non far partecipare all’evento l’ECOSPO.

Chi usa questi argomenti esclusivamente per fare politica o per avere le luci della ribalta non è seriamente interessato a lavorare nell’interesse della gente e della salute delle persone.
La LILT ha, probabilmente, avuto delle corsie preferenziali ( e questo ci rallegra) che hanno assicurato, in pochi giorni, una sede adeguata e dignitosa con tanto di insegna e con impegno in prima persona del sindaco e del sedicente incaricato per la sanità (un incaricato che probabilmente non ha mai avuto a cuore la fase della prevenzione non essendosi minimamente interessato del lavoro dei volontari ECOSPO). Di contro nessuno mai ha dato la dovuta importanza all’azione di prevenzione contro l’inquinamento ambientale che quattro scalmanati, al freddo di Dicembre come al caldo di Luglio, lasciando le proprie famiglie, i propri impegni e mettendosi sempre le mani in tasca, ogni domenica mettono in atto.

Da 10 mesi l’ECOSPO, congiuntamente alla FIDAS e all’associazione San Nicola di Myra, hanno chiesto una sede operativa, visto i tanti immobili comunali chiusi e abbandonati a se stessi, ma ad oggi, non sono stati degnati neppure di una risposta: oltre 600 volontari completamente ignorati dall’Amministrazione Comunale (neppure la FIDAS, che quest’anno ha vantato il primato di oltre 400 donazioni, è stata presa in considerazione).

In occasione del premio delle ricicliadi l’ECOSPO ha presentato un progetto (che presto pubblicheremo sul sito) per avviare una campagna di informazione a tappeto per aumentare ancora la raccolta differenziata e, quindi, ridurre l’inquinamento, prevedendo un costo di € 3.000! Ebbene! l’amministrazione non ha fornito alcuna risposta e, anzi, con i soldi del premio (€ 15.000) ha previsto l’acquisto di due grandi tabelloni elettronici da installare uno in Piazza del Popolo ed uno vicino al municipio. Tabelloni che, a parere nostro, hanno un pessimo impatto ambientale (ve l’immaginate come si inserirà male nel centro storico e come deturperà la piazza?) e che porteranno, in futuro, solo spese per le casse comunali (manutenzione e poi smaltimento), e che sicuramente non otterranno alcun beneficio sul piano dell’incentivazione della raccolta differenziata.
L’interesse vero per la salvaguardia dell’ambiente e della salute dei cittadini si vede dai comportamenti concludenti non dalle chiacchiere di chi vuole solo mettersi in mostra e attirare le simpatie di qualcuno.

La gente di Specchia stia tranquilla che l’ECOSPO sarà sempre presente a salvaguardare il nostro ambiente perché lo spirito dei volontari è solo quello di adoperarsi per il bene di tutti, e sarà un interlocutore al servizio delle azioni concrete della LILT.

Ricordate che il danno è uguale per tutti.

Auguriamo a tutti voi BUONE FESTE e, mi raccomando, non abbandonate i rifiuti per strada, fate la raccolta differenziata.

AUGURI
Gli attivisti volontari del gruppo ECOSPO

 
Data: 22/12/2010; Notizia Letta: 3108 volte
Fonte Notizia: Avv. Anna Laura Remigi

 

<<< torna indietro

www.specchia.it