Logo IWBank 235x60  

IL GAL IN LIBANO PER TRASFERIRE IN MEDIO ORIENTE LA SUA ESPERIENZA NELLO SVILUPPO LOCALE

 Con una delegazione guidata dall’On. Antonio LIA, Presidente del GAL

 

Clicca per ingrandireIl Gruppo di Azione Locale “Capo S. Maria di Leuca” comunica che nei giorni scorsi una delegazione guidata dall’On. Antonio LIA, Presidente del GAL, insieme al GAL “Terra d’Arneo”, hanno visitato per circa una settimana, il GAL “VIA APPIA BAALBECK”, agenzia che opera in Libano nella Valle della Bekaa. Nel corso della visita, i rappresentati dei GAL, accompagnati da Arturo PAROLINI, Presidente di RC - Ricerca e Cooperazione, una ONG (Organizzazione Non Governativa) che ha organizzato e finanziato l’iniziativa internazionale, hanno incontrato: la Dott.ssa Palma D'AMBROSIO, Primo Segretario dell’Ambasciata d’Italia a Beirut, il Dr. Akram MORTADA, Presidente del GAL “Via Appia Baalbeck” e Padre Louis Samaha, Presidente della Caritas Libano.

Il GAL Via Appia Baalbeck si è costituito nel 2008, grazie all’ausilio dello IAMB - Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari e opera in un territorio con una forte vocazione agricola e turistica, infatti, la sua mission è quella di attivarsi nel settore dello sviluppo locale, del turismo, dell’agroalimentare e dell’artigianato tipico. L’Agenzia di sviluppo locale medio - orientale opera a Baalbek,città che conta circa 100.000 abitanti, situata nel cuore della Valle della Bekaa, una vasta pianura tra le catene montuose del Libano orientale e occidentale, famosa per la sua ricchezza e l'abbondanza dei raccolti agricoli in tutto il territorio e per la presenza di enormi quantità di acqua proveniente dal fiume Litani. La valle è ricca di testimonianze dell’antica Roma, quando furono costruiti enormi templi, diventati la massima attrazione per i turisti, testimoniandone l'originalità del territorio. La Via Appia non era solo una strada pubblica, ma principalmente un mezzo per la comunicazione e lo scambio culturale, religioso e commerciale attraverso l'impero romano e un suo strumento della gestione civile e militare.

Nei vari incontri che si svolti tra il GAL italiano e quello libanese, il Presidente Baalbeck, ha ribadito la speranza di collaborare con i GAL italiani, ringraziando il GAL “Capo S. Maria di Leuca” e “Terra d’Arneo”, per la disponibilità a trasferire tutte le informazioni e l’esperienza acquisita nella loro lunga attività. L’Agenzia di Sviluppo Locale libanese è costituita da associazioni non governative che rappresentano gli interessi socio-economici locali, così come i commercianti e i soci locali che intendono sviluppare una strategia comune e progetti innovativi per lo sviluppo integrato della regione della Valle della Bekaa, nei settori relativi all'ambiente, all'agroalimentare, alla memoria storico-culturale e tradizionale dei prodotti. Il GAL Via Appia Baalbeck ha concluso la fase di avvio e attende ulteriori contributi, ed anche in assenza di finanziamenti, ha realizzato piccoli progetti, che hanno annoverato come partner anche la Caritas Libano, mentre tutti i prodotti agroalimentari sono stati realizzati dalle donne del territorio, riunite nella WADA - Women's Association of Deir el Ahmar, un sodalizio impegnato nello sviluppare l’imprenditoria femminile della Valle della Bekaa.

La RC - Ricerca e Cooperazione è impegnata nel settore della Cooperazione Internazionale a favore dei paesi del Sud del Mondo. In Italia e più in generale in Europa promuove azioni di Educazione allo Sviluppo. Indipendente, di ispirazione laica, opera dal 1985 e si fonda sui valori della solidarietà e della dignità umana. Gli aspetti chiave dell’attività di RC sono la salvaguardia e valorizzazione delle diversità a rischio di scomparsa, ovvero della biodiversità, culture indigene e patrimoni culturali, e la promozione dei diritti fondamentali delle persone, quali il diritto all’alimentazione, all’istruzione, alla salute, al lavoro, alla libertà di movimento e di espressione, alla good governance. Mentre la Caritas Libano è un’organizzazione fondata nel 1975, con sede a Beirut, che si occupa principalmente di supporto e sviluppo in ambito socio-economico, sanitario e sociale. In particolare, Caritas Libano si occupa di progetti per lo sviluppo agricolo e la produzione agro-alimentare con l'obiettivo di assicurare un'autonomia economica dei beneficiari e di migliorare le loro condizioni di vita. Un’attenzione particolare è rivolta allo sviluppo di moduli di formazione e di attività generatrici di reddito per e con le donne.

 
Data: 06/12/2010; Notizia Letta: 1713 volte
Fonte Notizia: Maurizio Antonazzo

 

<<< torna indietro

www.specchia.it