Logo IWBank 235x60  

“SPECCHIA IN POESIA” TRE SERATE DEDICATE AI VERSI POETICI

 Si concludono i seminari di autunno dei seminari di marzo

 

Clicca per ingrandireIl Comune di Specchia comunica che dal 2 al 4 dicembre, alle ore 18.00 presso la Sala conferenza di Palazzo Risolo, nell’ambito della XIV edizione dei Seminari di Autunno dei Seminari di Marzo si svolgeranno gli incontri dal titolo: “Specchia in Poesia”. Le serate culturali, che si svolgeranno in ogni appuntamento con il saluto introduttivo di Giampiero Pizza, Assessore alla Cultura del Comune di Specchia, prevedono per Giovedì 2 dicembre l’incontro: “Grecia: la resistenza dei fatti” con Titos Patrikios, il più grande poeta greco che racconterà il suo Paese in versi e parole ed autore di “La resistenza dei fatti”, edito da Crocetti e “La Casa e altre poesie” pubblicato da “Interlinea”.

Mentre Venerdì 3 dicembre, con l’intervento critico di Michelangelo Zizzi, che ha scritto “Del sangue occidentale”, edito da Lieto Colle, si svolgerà l’incontro “I nuovi poeti italiani”, con la lettura dei poeti: Biagio Lieti, autore di “Le Battaglie e i robusti no” pubblicato da Poiesis Editrice, Barbara Cupertino, autrice di “Ti amo spregevole amore mio” edito da Poiesis Editrice, Margherita Macrì, Carla Saracino, autrice di “I milioni di Luoghi”, pubblicato da Lieto Colle, e Andrea Leone.

Infine,Sabato 4 dicembre, si svolgerà l’incontro “I poeti mediterranei” con la lettura dei poeti: Bianca Tarozzi, autrice di “Il teatro vivente". Poesie e racconti” edito da Scheiwiller, Carlo Bordini, autore di “Costruttori di Vulcani” pubblicato da Sossella, Michelangelo Zizzi e Giuseppe Goffredo.

Con “Specchia in Poesia” si conclude l’iniziativa culturale, che ha registrato i successi di pubblico ottenuti in occasione dagli incontri con Yassin Hussin (Iraq), con il poeta e scrittore, Giuseppe Goffredo, con la scrittrice ed esperta del Maghreb, Toni Maraini e con lo studioso del Medio Oriente e operatore umanitario, con Vittorio Pozzo e con Reina Roffé, scrittrice argentina. Un progetto culturale realizzato in collaborazione con il Laboratorio Progetto Poiesis, con l’Associazione studenti e insegnanti “Mediterraneo-Europa”, con la Poiesis Editrice e con il patrocinio dell’Assessorato al Mediterraneo e alla Pace della Regione Puglia.

La XIV edizione dei Seminari di Autunno dei Seminari di Marzo ha avuto come tema centrale il Noi Mediterraneo: ricucire il filo della memoria, ricostruire la soggettività culturale, ritrovare i valori civili fra Mediterraneo, Italia ed Europa a partire dal Mezzogiorno. Un’iniziativa ispirata dal poeta Giuseppe Goffredo, con il patrocinio del Comune di Specchia, dove si sono svolti la maggior parte degli incontri, che hanno toccato anche le città di Bari, Martina Franca e Roma, coinvolgendo una serie di scuole superiori come il Liceo “Tito Livio” di Martina Franca, il Liceo delle Scienze Sociali “G. Comi” e Liceo Classico di Tricase e quello “Socrate” di Bari.

Gli organizzatori dell’evento culturale si sono posti alcune domande a cui si è risposto nel corso dell’iniziativa culturale, che ha avuto come tema centrale il Noi Mediterraneo: Perché parlare del Mediterraneo? Perché porre questo tema in Italia? Perché porlo dal Sud? Forse il Mediterraneo ci fa paura? Forse questo mare ci richiama dal fondo dei millenni a fare i conti con le sue acque agitate? Cosa vogliamo noi pugliesi e noi meridionali dal Mediterraneo? Sarà possibile in Italia ricostruire una propria identità escludendo questo tema dal nostro orizzonte culturale? E infine cosa centra il Mediterraneo con l’America Latina? Esiste un legame fra gli scrittori mediterranei e sudamericani? Perché si dimentica troppo spesso che metà della popolazione argentina è italiana?

Il Laboratorio Progetto Poiesis Centro Studi Internazionale per la ricerca, l'interscambio e il dialogo fra le culture mediterranee ed europee con sede ad Alberobello-Bari-Italia si occupa del rapporto fra scrittori, poeti, artisti, intellettuali dei paesi mediterranei ed europei; della ricerca, traduzione e pubblicazione di interventi, poesie, racconti e testimonianze provenienti dalle rive mediterranee; delle costruzioni di reti fra città, associazioni e scuole per la valorizzazione del patrimonio culturale; delle risorse e delle intelligenze fra le regioni e le culture del Mediterraneo.

 
Data: 01/12/2010; Notizia Letta: 1579 volte
Fonte Notizia: Maurizio Antonazzo - Addetto Stampa Comune di Specchia

 

<<< torna indietro

www.specchia.it