Logo IWBank 235x60  

LETTERA APERTA AL SEGRETARIO. DI “UNA SPECCHIA” SIG. FRANCESCO BIASCO

 Email inviata da Alvaro Andrea Zippo Segretario UDC Specchia

 

Clicca per ingrandire




Ho ricevuto, dal figlio dell’attuale sindaco, sig. Francesco Biasco, una lettera circa l’ultimo manifesto affisso dall’UDC alla quale, come sono solito, pubblicamente rispondo.

Ho scelto la via della lettera aperta perché non ho nulla da nascondere e per fugare ogni dubbio interpretativo.

Caro sig. Segretario, noto con rammarico che il processo di rinnovamento che Lei e il Sindaco state portando avanti è ben lungi dall’essere altro che una semplice facciata ed una etichetta che non incanta più nessuno e soprattutto non è più condiviso.

Lei mi parla che il Sindaco, suo padre, vuol creare un paese normale.
Normale è un paese in cui quando si parla di amministrazione si parla del collettivo e non degli sforzi che, come emerge dalla sua lettera, solo il sindaco sta compiendo in una titanica lotta contro il male passato.

Caro sig. segretario, le ricordo che io sono lontano da strumentalizzazioni politiche e che sono colui il quale ha anche appoggiato la Sua lista, per cui la mia critica non è quella di chi appartiene, come Lei, da sempre ad uno schieramento e parla attraverso un armamentario di luoghi comuni che le sono stati inculcati, e che per tanti anni abbiamo ascoltato, ma di chi è stato deluso dai comportamenti e dai risultati.

E’ lei a non ricordare quante derisioni, denunce e sberleffi hanno subito quegli uomini che hanno realizzato quello che anche voi, ma solo oggi, chiamate uno dei borghi più belli!
E’ lei ad offendere tutti quegli uomini che hanno lavorato per questo paese etichettando come caratterizzazione negativa la loro politica e i loro risultati di cui oggi andate fieri!

Con il suo immacolato stupore e la sua beata tranquillità politica (che riporta per più volte nella lettera) quando sareste stati in grado di pensare prima e realizzare poi tutto ciò?
Io vi ho votato come alternativa politica (perché non condividevo alcuni comportamenti dell’ex Sindaco) e non come tranquillizzatori e normalizzatori!

Invito la S.V. a leggere con attenzione il manifesto in quanto ci si riferisce a minacce, bambinate e pettegolezzi che come ben sa appartengono a determinate persone da cui né Lei né altri hanno il coraggio di prendere le distanze.
E’ normale un paese in cui si manda qualcuno a strappare le bacheche? O si tratta anche in questo caso di una “esplosione di democrazia”?.

E’ normale un paese in cui si dimette solo dopo quattro mesi il presidente del consiglio e nessuno, nemmeno il suo candido stupore, trova la necessità di dire cosa è successo?
E’ normale un paese in cui LEI ( non qualche assessore deputato a farlo) mi elenca una serie di presunti risultati che nulla o poco hanno di vostro ma sono eredità dei cattivi che state tenacemente combattendo?

E’ normalità aver fatto diventare la notte bianca (io appartenevo al forum dei giovani che l’ha realizzata e ne conosco finalità e primogeniture, ricordo ancora le “risatine sarcastiche” dell’attuale assessore alle politiche giovanili ) una sagra paesana senza identità?
E’ normalità citare , tra le opere realizzate, le strisce pedonali…?
Penso che questo paese debba farne ancora di strada per una normalità reale (e non sonnacchiosa) in quanto la vera democrazia passa solo dall’ammettere la grandezza del lavoro altrui senza disprezzare o adulare, ma proporsi , così come sta facendo il mio partito, per un serio e preciso progetto per un paese straordinario e non normalmente mediocre !!!.

Occorre confrontarsi con tutti i cittadini e non solo con UNA parte, non occorre proporsi per fugare dubbi e perplessità ma per dialogare alla pari…questo primo passo avrà sicuramente un benefico effetto su di lei e sulla lista che rappresenta.

Sempre a sua disposizione per discutere amichevolmente di ogni dubbio e perplessità.

Alvaro Andrea Zippo.
Segretario UDC Specchia

 
Data: 09/10/2010; Notizia Letta: 2264 volte
Fonte Notizia: Alvaro Andrea Zippo

 

<<< torna indietro

www.specchia.it