Logo IWBank 235x60  

L''ARTISTA ADA SCUPOLA ESPONE LE SUE OPERE REALIZZATE CON MATERIALE RICICLATO A SPECCHIA

 Sabato 28 Agosto dalle ore 20.00 in occasione della prima Festa dell’Ambiente

 

Clicca per ingrandireSi comunica che l’artista ADA SCUPOLA Sabato 28 Agosto dalle ore 20.00 esporrà le sue opere realizzate con l’esclusivo uso di materiale riciclato, in occasione della I° Festa dell’Ambiente, organizzata dall'Associazione ECOSPO (gruppo ecologico spontaneo) Specchia, una manifestazione che si svolgerà in Piazza del Popolo e nell'atrio del Palazzo Risolo.

Ada Scupola dopo il Diploma al Liceo Artistico e all’Accademia Belle Arti “Corso Decorazione”, ha ottenuto l’abilitazione all’insegnamento di Educazione artistica e Discipline Pittoriche, iniziando a svolgere l’attività di docente dall’Anno Scolastico 1984/85 presso la Scuola Media Statale di Somma Lombardo (VA) e negli anni successivi dopo varie docenze in varie scuole lombarde e pugliesi, attualmente è docente presso la Scuola Secondaria di Primo Grado del 1° Polo di Tricase .Artista poliedrica in quanto realizza Pittura con varie tecniche: olio, tempera, acquerelli, acrilici, nel disegno: matita, carboncino e sanguigna. Per la scultura usa paste morbide, soprattutto, al sale, CERNIT, DAS, inoltre, realizza specializzata nel taglio del polistirolo per scenografie, decora con tutte le tecniche e materiali, specializzata in puntinismo su vetro e nella pittura su stoffa, incide su: Adigraf, rame, metallo e stampa con la tecnica dello stencil e dell’acetato. Lavora con il patchwork, la cartapesta e con materiale riciclato. Responsabile del laboratorio creativo presso il Centro Giovanile Ravasco di Specchia, è stata Docente Università Terza Età e del tempo disponibile di Specchia. Ricopre la carica di Vice Presidente dell’“Accademia delle Arti e dei Mestieri”di Specchia, ha rappresentato gli artisti del sodalizio in Ungheria nell’ambito del Gemellaggio tra Specchia e Szigetszentmiklòs, una sua opera è ora esposta nel museo del Comune ungherese ed, inoltre, ha partecipato a mostre individuali, collettive e manifestazioni artistiche in tutta Italia.

La docente Lorenza MARRA così scrive dell’artista: “Nell’ARTE di Ada SCUPOLA il viaggio tra Umanità, Sensibilità, Creatività! Ho conosciuto Ada alcuni anni fa a scuola. Simpatia epidermica: sapeva commuovermi questa donna così riservata!Presente - assente in un sogno tutto suo, nel quale sembrava fosse difficile entrare. Poi ho “visto”: dai suoi occhi inquieti, malinconici, ma attenti e vigili ,si snodava un’umanità che prendeva vita su un foglio bianco, una tela, una stoffa. Curiosavo, non vista, nel laboratorio della scuola media di Tricase dove lei ancora opera; entravo nel laboratorio delle “piccole cose”, nel quale la povertà dei mezzi si coniugava con l’abilità nell’uso delle tecniche. Nella pittura e nell’oggettistica varia vedevo la sua “Impronta”: il connubio creatività-sensibilità- doti naturali di Ada - completavano la DONNA e ne rappresentavano l’ARTISTA. Arte grafica e pittorica si snodava attraverso la tecnica del decoupage, la pittura su stoffa, su tela, su vetro…Ecco la natura di ADA, quella vera: eclettica, dinamica, inquieta. Inquietudine che l’ha portata, nel tempo, a esprimersi e dare Cuore e Anima quando l’occasione poteva diventare splendida opportunità. La rappresenta ,e mi piace ricordarlo, la recensione per lei scritta dal compianto maestro Aldo Riso, quando l’artista ha tenuto, nel lontano settembre 1983, la sua prima personale di pittura e che è stata ricordata dal maestro Antonio Penna nella recensione , per lei scritta lo scorso luglio 2009 : “ …le sue opere un caleidoscopio di sensazioni diverse, dove le tecniche più varie si sposano con i materiali più eterogenei, che nelle sue mani, come per incanto, acquistano forme concrete di vita o si perdono in preziose astrazioni decorative. Astrattismo e realismo sono due aspetti della stessa ispirazione artistica che in Ada Scupola convivono in perfetta armonia….”. Ecco l’Artista: l’acquisizione di tecniche, varie e diversificate, arricchite da esperienze personali ed esistenziali, l’hanno portata a esprimersi realizzando lavori su stoffa, in carta pesta e gesso, pittura su vetro. Straordinario il ricorso all’uso degli specchi, i quali, simbolo eterno di vanità, nelle sue mani suscitano emozioni, acquistano calda umanità”: …..sembrano caduti granelli di stelle che, come per incanto, si sono condensati in gracili e sinuose figure femminili o in serti di fiori o foglie o ancora in forme eteree simili a voli di farfalle o tenui soffi di vento…..” (Antonio Penna). Ma alla donna-artista tutto questo non basta: necessita di input, sempre nuovi. In questa calda estate arriva quello che lei confidenzialmente mi confida essere un “invito a nozze”: l’Associazione ECOSPO (gruppo ecologico spontaneo), con il patrocinio del Comune di Specchia, organizza la “prima Festa dell’Ambiente” e a lei, cui viene riconosciuta la validità dell’artista, arriva l’invito a esprimersi. Attenta osservatrice del mondo indossa occhiali diversi: la sua sensibilità e attenzione verso l’ambiente che la circonda, la rende consapevole che il futuro dell’uomo è inscindibilmente legato alla natura, soprattutto in termini di sostenibilità ambientale. Comuni, quindi, gli obiettivi con l’associazione: amore, rispetto per la natura, salda consapevolezza che “in natura niente si crea, niente si distrugge, tutto si trasforma”. Con la sua arte, creatività, attenzione la “cosa” insulsa, inutile, prende vita, l’oggetto che non serve più “scopre il valore intrinseco che esula dall’uso che una sola persona può farne”.Dalle sue mani ogni tipo di materiale:dal legno, al sughero, ai cocci, alla carta, tutto si trasforma e si perde in una miriade di piccoli e grandi oggetti dagli accostamenti apparentemente bizzarri e impensati, ma che, ridiventano vissuti e quotidianità. Ammiro le opere di ADA: la sua splendida sensibilità si coniuga con l’abilità dell’artista e il rispetto per l’ambiente che il buon Dio ci ha dato. Ricordo la frase di Benedetto XVI “coltiva la pace, custodisci il creato”. Ada aggiunge: “prima di gettare, pensa!” Sensibilità, umanità, creatività guidano la mano di questa artista. Felice di averti conosciuta. Felice di esserti amica!”

 
Data: 27/08/2010; Notizia Letta: 2010 volte
Fonte Notizia: StudioAntonazzo

 

<<< torna indietro

www.specchia.it