Gentilissimo Sig. Giangreco,

nessun Cìttadino, con la coscienza pulita e senza secondi fini, deve preoccuparsi di rubare del tempo, nel rappresentare dei disagi a chi, quando esistono veramente, ha il dovere di rimuoverli.
Con questa premessa, doverosa visti i termini e toni che Lei ha voluto usare pur essendo la Sua prima ed unica segnalazione rispondo alla Sua nota del 24 u.s..
Se qualcuno tra l'A.C. o i Cittadini, di Specchia come Lei asserisce, deve essere riccessariamente maleducato o irrispettosto, il Sindaco è comunque la prima persona a sentirsi colpita.
Per segnalare un eventuale disservizio al Cittadino bastano pochi righi, se lo scopo è quello di segnalare un disservizio...
Relativamente all'importo della Sua cartella esattoriale La informo che, non essendo ancora stata attivata a "regime" la raccolta differenziata ed il servizio "porta a porta" che ci proponiamo a realizzare, lo stesso scaturisce dalla relazione con la superficie tassabile della Sua abitazione o attività.
PregandoLa di contattare: l'Ufficio tributi comunale per ogni chiarimento più dettagliato che dovesse necessitarLe, Le comunico che presso lo stesso ufficio dovrebbe risultare la superficie oggetto della tassazione evidentemente autodichiarata o, salvo alcuni casi precedenti al 1999, accertata da una società esterna incaricata dall'A.C. dell'epoca con tale scopo. In ogni caso Le assicuro che l'importo richiestole per l'anno 2007 non può differire, salvo diversa superficie tassata, a quello del 2006 unico anno, dopo 8 anni, di Amministrazione guidata dal sottoscritto, in cui è stato inevitabile operare un ritocco della tariffa.
La ringrazio della Sua regolarità, come d'altronde quella di tutti i Cittadini nei pagamenti per la prestazione dei servizi, pur riconoscendo le difficoltà per la situazione economica di molti cittadini che tuttavia responsabilmente fanno il loro dovere civico.
Sono d'accordo con Lei, il problema dei rifiuti è il problema del futuro, un problema che esiste in tutta Italia, Le ricordo però, che non possiarno dimenticare il problema della precarietà del lavoro a cui molti sono soggetti ed hanno difficoltà a volte di far fronte alle tante esigenze della vita. Per questo ci siamo visti costretti a gestione di servizi a volte non perfettamente soddisfacenti.
Come potrà immaginare un Sindaco oggi più di ieri, viene spesso cercato da genitori disperati che chiedono un lavoro per i propri figli ed è costretto a pensare anche a questo per creare nuove opportunità di lavoro, cosa che ci stiamo sforzando di fare, anche se con difficoltà ben note.
Oggi è veramente difficile e chi ha un lavoro sicuro, in particolare pubblico, dovrebbe onorare ogni giorno il suo impegno con la società evitando a volto di approfittare delle leggi dello Stato che garantiscono ferie e malattie che vedono lontano il lavoratore dal suo posto di lavoro in momenti particolari creando a volte disservizi che possono causare quanto Lei sta denunciando (i primi 25 giorni di Agosto hanno visto il servizio di spazzatura esercitato da 2 sole persone gli altri sono ancora assenti per ferie o malattie).
Le ricordo che i cittadini, specie quelli che non hanno la possibilità di andare in vacanza o avere una casa al mare, hanno diritto di partecipare a manifestazioni che diversificano la loro vita.
Per tale ragione, ed ha fatto bene a richiamarlo nella Sua lettera, Le confermo che sarei disposto a colorare le notti di Specchia di qualsiasi colore pur di contribuire, di fronte a tante difficoltà, una prospettiva per i giovani ai quali un Sindaco non può assicurare un posto dì lavoro fisso, come forse avveniva tanti anni fá.
Continuerò a lavorare nella promozione della bellezza e della peculiarità di Specchia ormai all'attenzione dei mass media e meta di un turismo nazionale ed europeo pur dovendo, anche se in casi veramente rarissimi, trovarmi contro qualcuno che, per restare in tema, non perde nessuna occasione per inquinarne l'immagine quasi come se, la crescita del proprio paese, rappresentasse un declino personale. Sono questi i veri nemici di Specchia, dai quali il paese dovrà guardarsi, ma sono sicuro che nessuno cadrà nella loro trappola !
La ringrazio e Le assicuro che farò quanto di mia competenza, per rimuovere ogni disagio da Lei segnalato, affinché l'Amministrazione che rappresento, possa continuare ad avere motivi di orgoglio, apprezzamento e stima così come ogni turista che viene a Specchia continua ad attestare.

Cordiali saluti.
 

IL SINDACO
On. Antonio LIA